Quello che vi racconto tutto può sembrare tranne che una storia vera. Invece lo è, ne sono stato testimone diretto.
Tutto comincia con l’acquisto di una macchina nuova, il sogno di una vita. Una di quelle dove c’è posto pure per la suocera, purtroppo. Un mio amico dopo averla ritirata dal concessionario viene a farmela vedere. Bella, lucida, senza una macch…splash, “piccione di merdaaaaaaa”. Di sicuro aveva preso il brevetto di volo nella RAF, centro perfetto sul parabrezza. Per allentare la tensione gli dico: “dai che porta bene”.
Tempo cinque minuti e passa un camion della nettezza urbana a cui scoppia un pneumatico e sbanda paurosamente. Esito: fanalino rotto e 2 sacchetti di spazzatura finiscono sul tettuccio apribile della macchina. Ovviamente aperto.
A quel punto era chiaro a tutti, la macchina era sfigata e bisognava esorcizzarla. Dopo una rapida consulta si è deciso: c’erano i suoi figli che da anni volevano andare ad uno zoo safari per cui gli ho regalato un pacchetto completo di visita e pranzo.
Qui il racconto è solo riportato in quanto non c’ero ma è tutto scritto nero su bianco.
Parte di buonora per fare questo giro, suocera inclusa che si era autoinvitata. Poco prima di pranzo mentre attraversava la zona degli elefanti un pachiderma sfugge al controllo del suo custode e non trova di meglio che sedersi sul cofano anteriore della macchina. Risultato: un ammortizzatore rotto ed il cofano a banana. Nero come la pece porta la famiglia al ristorante. Poco prima di uscire gli arriva il conto per il pranzo della suocera: un salasso da restarci secco per quello che ha mangiato (e soprattutto bevuto). Per addolcire la pillola gli offrono un limoncello che, nonostante sia uno quasi astemio, tracanna per la disperazione.
Riparte per tornare a casa ma viene subito fermato da una pattuglia dei carabinieri. Scende dalla macchina barcollando e rosso in viso. Lo guardano con sospetto e lui cerca di spiegargli che la macchina è in quello stato perchè un elefante si è seduto sopra ma nessuno gli crede: alcol test, ritiro della patente, sequestro della macchina e ritorno a casa in taxi.
Da allora non l’ho più visto. Dicono che appaia come un fantasma nelle notti di luna piena brandendo un’ascia.
Morale, quando qualcuno si compra una macchina nuova fatevi i cazzi vostri, risparmierete e non perderete un amico.

Annunci